Accedi a Domino Solutions

Inserisci i tuoi dati per accedere.

×

VISIONA GRATUITAMENTE IL
ONE MILLION DOLLAR

Inserisci la tua email per accedere gratuitamente alla visione del One Million Dollar

Non condivideremo i tuoi dati
×

La guerra Cina vs USA mette a rischio l'espansione del ciclo economico

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.
I mercati azionari stanno vivendo un periodo incerto, è sotto gli occhi di tutti, le ragioni sono molteplici, guerra commerciale Cina-Usa, Brexit e rallentamento economico in vista, ma davvero il ciclo economico espansivo, iniziato dopo la crisi dei subprime nel 2008, è giunto al termine? La domanda che più spesso mi pongono i clienti è: quanto durerà il periodo di crescita? Non importa se ci stiamo avvicinando alla fine del ciclo o siamo alla fine. Ciò che è chiaro, è che siamo molto più vicini alla fine rispetto all'inizio. Ciò pone una sfida per gli investitori: dove investire la liquidità?

Noi trattiamo azioni, il PIL non sorprende, i profitti societari migliorati e l'aumento dei prezzi azionari si muovono in maniera sincrona. Ma, a fine ciclo, gli investitori non vedono l'ora di chiudere le posizioni di guadagno e diventano nervosi. Quindi la prudenza è il fattore dominante. Aumentare l'esposizione su capitalizzazione alte e aziende con fondamentali solidi, anche in periodi negativi di mercato, ci sono settori che non perdono.

Cercare la qualità, solidi dati finanziari e buoni dividendi in cui hai un alto grado di fiducia che verranno pagati. Noioso e vecchio stile? Forse, ma se ci saranno delle oscillazioni la qualità vincerà sempre perchè è la più richiesta. Cerchiamo di analizzare il motivo principale di questo periodo nervoso, correttivo, volatile, scegliete voi il termine, alla fine il risultato è lo stesso, i mercati stanno scendendo.

La guerra commerciale Cina vs USA

Il Trade Representative statunitense Robert Lighthizer ha riferito domenica che considera il 1° marzo "una dura scadenza" per raggiungere un accordo sul commercio con la Cina e che le nuove tariffe saranno imposte diversamente. Il ministero del commercio cinese ha risposto in una breve dichiarazione che entrambe le parti si sono scambiate opinioni sul raggiungimento di un accordo durante il G20, stanno spingendo per un secondo incontro per attuare la prossima fase delle consultazioni economiche e commerciali. Il caso dell'arresto di Meng Wanzhou, figlia del fondatore Huawei ha complicato non poco le trattative.



I mercati globali sono nervosi, lo scontro crescente tra le due maggiori potenze economiche del mondo, rispetto all'enorme surplus commerciale della Cina con gli Stati Uniti e le accuse di Washington sul fatto che Pechino stia rubando proprietà intellettuali e tecnologiche, sembrano passi indietro dalla famosa telefonata tra i due leader avvenuta appena 10 giorni fa.

Ma alla fine, cosa vuole Trump per chiudere la faccenda in maniera positiva?

Proprietà intellettuale
La Cina ha ufficialmente negato di costringere le compagnie straniere a consegnare la tecnologia come condizione per fare affari nel paese - una denuncia di lunga data da parte degli Stati Uniti e di altri paesi. L'America è convinta che ci sia un furto di proprietà intellettuale e pretende la fine di queste minacce.

La protezione degli IP
Già nel 2012, il generale Keith Alexander, che all'epoca era impegnato nello sforzo americano contro la guerra informatica, descrisse il furto degli IP americani da parte delle compagnie cinesi come il più grande trasferimento di ricchezza nella storia. La riforma dell'IP è in cantiere da anni e nel 2019 si prevede qualche aggiornamento. Resta da vedere se questo sia sufficiente per soddisfare i negoziatori statunitensi, ma sarebbe sicuramente considerato come una vittoria di Donald Trump.

Intrusioni e furti informatici
Nel 2015, Xi Jinping e Barack Obama hanno accettato di ridurre i cyber-attacchi. Tuttavia, gli attacchi cinesi alle società statunitensi sono aumentati da quando gli Stati Uniti hanno implementato per la prima volta le tariffe commerciali nel luglio 2018. Questi attacchi sono direttamente collegati all'esercito di liberazione popolare. L'implicazione che questi siano stati orchestrati dallo stato significa che ci potrebbe essere spazio per gli Stati Uniti per forzare ulteriormente la mano sulla Cina, in quella che sarebbe considerata un'altra vittoria per Trump.

Servizi e agricoltura
La notizia che la Cina aveva accettato di acquistare "una quantità molto consistente di prodotti agricoli" ha fatto salire i prezzi della soia dopo il vertice di Buenos Aires. Non ci sono state dichiarazioni pubbliche ufficiali da parte della Cina su questo fronte, ma i mercati sono in attesa. Anche un semplice riferimento al settore dei servizi potrebbe significare che il mercato cinese sarebbe più aperto ai fornitori di servizi statunitensi, in particolare in quello finanziario, dove sono anni che l'America sta tentando di entrare. Ancora una volta, è improbabile che questo obiettivo a lungo termine venga risolto entro 90 giorni. Tuttavia, è un'area in cui la Cina potrebbe essere in grado di fare alcune concessioni.

L'inizio dei nuovi negoziati, siamo ad una svolta?

Gli Stati Uniti e la Cina hanno avviato l'ultimo giro di negoziati commerciali con una telefonata che ha coinvolto il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, il rappresentante del commercio americano Robert Lighthizer e il vice premier cinese Liu He.

Come parte della tregua commerciale raggiunta tra Xi e Trump, i funzionari cinesi stanno anche valutando di apportare modifiche al piano Made in China 2025, una politica industriale guidata dallo stato volta a consentire alle società cinesi di dominare un certo numero di industrie come intelligenza artificiale e robotica. E' un punto focale delle denunce degli Stati Uniti, secondo cui Pechino utilizza pratiche commerciali sleali che mettono le imprese straniere in svantaggio rispetto alle aziende cinesi.

Durante i negoziati, gli Stati Uniti hanno dichiarato che non aumenteranno le tariffe di $ 200 miliardi di merci cinesi al 25% dal 10%, come previsto per il 1° gennaio.

Entrambe le parti stanno spingendo per impedire che i negoziati vengano deragliati, anche se la Cina si dichiara indignata dall'arresto in Canada di Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawei, da parte di una richiesta americana. Trump ha nominato Lighthizer come il capo negoziatore sulle questioni della Cina, avere sia il segretario del Tesoro che il rappresentante commerciale a gestire la questione, suggerisce che il Tesoro continuerà ad avere un ruolo significativo nei colloqui.

Cosa può far terminare la guerra tra Cina e USA?

L'orologio segna la tregua della guerra commerciale di 90 giorni approvata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump e dal presidente cinese Xi Jinping a Buenos Aires lo scorso fine settimana, con gli analisti che avvertono che non è un tempo sufficiente per permettere alle due parti di colmare le grandi differenze tra le loro posizioni sulle questioni chiave.

Inoltre, mentre i progressi sulla protezione della proprietà intellettuale potrebbero essere possibili durante il periodo del "cessate il fuoco", le aspettative per le principali concessioni cinesi in altri settori, in particolare la riforma delle imprese statali, sono quasi impossibili.



Negoziare accordi commerciali può essere un processo arduo anche per i paesi con credenziali di libero scambio stabilite da lungo tempo. Tuttavia, potrebbero esserci situazioni favorevoli che possono essere concesse, se non in tre mesi, sicuramente nel 2019. Le aziende statunitensi gradirebbero un miglioramento, dato che secondo le loro stime, questa guerra ormai è costata tra i $ 225 miliardi e $ 600 miliardi. A questo ritmo, gli Stati Uniti potrebbero soffrire di perdite intorno a 1,2 trilioni di dollari di danni economici dalla pubblicazione del rapporto originale della Commissione IP.

L'esito dei colloqui può essere considerato come se ciascuna parte cercasse di placare le rispettive pretese, guadagnare tempo per la Cina e ottenere il massimo dai prossimi 90 giorni per gli Stati Uniti, per i quali il successo sarebbe un cambiamento significativo nelle pressioni sulla Cina per il trasferimento tecnologico forzato e le restrizioni agli investimenti. Trump potrebbe ancora guardarlo attraverso un obiettivo di riduzione del deficit commerciale, che potrebbe implicare un impegno all'acquisto significativo da parte della Cina - la quale sarebbe più una concessione a breve termine rispetto a un cambiamento sistemico.

Quindi, ancora una volta, c'è sul piatto l'ennesimo accordo, non si può realizzare tutto in 90 giorni, ma ci aspettiamo molti progressi. Le dichiarazioni disparate di Trump sul suo impegno a negoziare un accordo duraturo con la Cina, sono il risultato del suo tentativo di placare i mercati azionari e di ottenere un effetto leva nei negoziati con la Cina.

La Cina sta già facendo progressi. Questa settimana sono stati segnalati funzionari cinesi che hanno iniziato a riavviare le importazioni di soia e gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti. Una riforma pianificata delle leggi sui brevetti e sui diritti d'autore cinesi, entrambe in corso da diversi anni, potrebbe essere portata avanti per placare le richieste del governo degli Stati Uniti. La nostra aspettativa è che qualcosa si verificherà entro il periodo di 90 giorni.

I NOSTRI ULTIMI ARTICOLI

TESTIMONIANZE

Sono iscritta al servizio MyPortfolio da 2 anni e finora i risultati sono stati positivi.
L'azienda e' puntuale nei segnali e sono sempre disponibili per informazioni e mi hanno seguita passo passo molto meglio della banca
Martina Mantovani
Sono un cliente da 4 anni, mi sono trovato bene fin da subito. La caratteristica migliore è un contatto diretto con un analista e ovviamente i guadagni sulle segnalazioni. Grazie Domino.
Alezzandro Zucchi
Sto collaborando con loro da meno di un anno, mi sembra di conscerli da una vita, mi stanno dando dei risultati a dire poco eccellenti, sopratutto in questi momenti, ritengo la loro serietà qualcosa di straordinariamente rara e preziosa, io li ritengo oltre che ad esperti professionisti, anche amici, avuto la fortuna di conoscerli di persona. Sono contento perche hanno con il tempo aggiornato e ampliato i servizi.
Sempre seri, presenti, gentili, onesti
Maurizio Carta
Società seria e affidabile, propone ottimi servizi con grandi risultati. Personalmente la mia esperienza è stata molto positiva. Gli analisti, molto competenti, ti seguono passo per passo nelle scelte di investimento. Inoltre sono molto cordiali e disponibili per qualsiasi chiarimento.
Debora Gozzi
Leggi tutte le testimonianze
DOMINO SOLUTIONS 2019 All rights reserved | Via Baldassarre Peruzzi, 26 41012 Carpi (MO) Italy | P.IVA IT02821060361 - Cookie policy Copyright © 2006-2019